05/10/2022
Investire a Dubai i vantaggi fiscali e i settori in forte crescita

Investire a Dubai: i vantaggi fiscali e i settori in forte crescita

Investire a Dubai: quali settori prediligere e come investire in modo sicuro

Perché è conveniente investire a Dubai

Dubai è una delle città più note degli Emirati Arabi Uniti, seconda per estensione solo alla capitale Abu Dhabi; la sua economia è in continua crescita: settori tradizionali e nuove forme di mercato hanno, negli ultimi anni, reso la città meta di interesse per investitori provenienti da tutto il mondo. Ad essere attratti dalle sue potenzialità sono sia investitori navigati che persone alle prime armi spinte dalla numerose opportunità nei campi più svariati e dalla facilità con cui dare vita ad una realtà imprenditoriale che, altrimenti e altrove, cadrebbe sotto il peso delle tasse e della burocrazia.

L’avanzamento nei settori dell’intelligenza artificiale, delle nuove tecnologie e dei trasporti uniti alla sua posizione strategica, ad una valuta stabile e all’esenzione dall’imposizione sui redditi rende possibile pensare di investire a Dubai in modo redditizio e lungimirante.

Per effettuare investimenti a Dubai sfruttando le opportunità concesse dalla città, visita il sito https://danielepescaraconsultancy.com; attraverso il supporto e la consulenza dei professionisti potrai intercettare con anticipo le occasioni di business e restare aggiornato sui numerosi incentivi governativi che stanno rilanciando in maniera esponenziale, e in controtendenza rispetto al resto del mondo, l’economia del paese.

Tra i settori più noti vi sono quello immobiliare, quello turistico, i media e le nuove fonti di energia.

Il settore immobiliare: pro e contro dell’investimento

Dubai è divenuta, negli anni, centro dello shopping di lusso con negozi e boutique che prendono vita tra strade dalle architetture moderne quali enormi grattacieli, isole artificiali e hotel mozzafiato.

Uno dei settori più noti per investire a Dubai è quello del mercato immobiliare; negli anni gli investimenti effettuati nelle infrastrutture hanno, di fatto, soppiantato l’idea che la città fosse strettamente vincolata al mercato petrolifero.
Uno dei motivi che spinge gli investitori sul mattone è il prezzo degli immobili, nettamente inferiore rispetto ad altre grandi città come New York, Shanghai o Londra.

L’ambito risulta in crescita, vista l’estensione territoriale, il turismo e il continuo incremento demografico: aumenta la richiesta di abitazioni private e strutture alberghiere attirando l’attenzione di investitori locali e stranieri.
Dubai unisce stabilità economica e vantaggi fiscali quali l’assenza di tasse per l’acquisto degli immobili, una burocrazia snella e una pressione fiscale ridotta. Inoltre gli investitori si sentono tutelati dalla legge.

Tuttavia bisogna segnalare che investire nel settore immobiliare a Dubai non è esente da rischi; un limite a questo tipo di impiego di capitale riguarda la necessità di affidarsi a seri professionisti perché a farsi la concorrenza sui prezzi ci sono circa 20.000 agenzie immobiliari che, pur di accaparrarsi la vendita, promettono sconti eccezionali senza garanzie certe sul ritorno dell’investimento.

Il settore turistico: eventi, attrazioni e soggiorni di lusso

Un altro settore trainante per compiere un investimento a Dubai è quello turistico; ogni anno la città è meta di milioni di visitatori, un dato che cresce di anno in anno tanto che, oggi, si posiziona come quarta città più visitata nel mondo.

La sua compagnia aerea è una delle migliori e delle più rinomate e il settore turistico si nutre di più aspetti vincenti della città: servizi, svago, shopping di lusso, qualità della vita.
Al di là degli accessi registrati, la città è anche di passaggio come accade per esempio per i passeggeri delle navi da crociera che attraccano nel suo porto turistico, il più grande al mondo.

Altro aspetto degno di nota per chi si chiede come investire a Dubai riguarda il fatto che la città è sempre più meta di eventi dalla portata internazionale; nel 2021 ha ospitato l’Expo, il vicino Qatar ospiterà negli ultimi mesi del 2022 i Mondiali di calcio e, proprio ospitando l’ultima edizione dell’Arabian Travel Market, la più grande fiera del turismo e dei viaggi in Medio Oriente, ha decretato un ritorno post pandemia di 90 milioni di visitatori all’anno nel centro commerciale della città.