Torna alla vittoria Marcel Kittel e lo fa all’esordio stagionale. Il nuovo acquisto dell’Etixx Quickstep si è imposto nella prima tappa del Dubai Tour, 179 chilometri da Dubai a Fujairah, mettendosi alle spalle il grande rivale Mark Cavendish (Dimension Data) e il nostro Giacomo Nizzolo (Trek Segafredo).

La fuga di giornata parte dopo 30 chilometri sospinta da Marc Soler, neo pro del Team Movistar, Martin Mortensen (One Pro Cycling), Loic Vliegen (BMC) e Soufiane Haddi, corridore della squadra di casa la Skydive Dubai). I quattro sono stati raggiunti dopo chilometri da Jesus Alberto Rubio (Al Nasr Pro Cycling Team) e da Charles Plante (Team Novo Nordisk). A farsi carico dell’inseguimento sono state le squadre dei due principali favoriti, Etixx e Dimension Data, aiutati nel finale da Astana e Sky. I fuggitivi sono stati raggiunti dal plotone a sei chilometri dall’arrivo e, poco dopo, Philippe Gilbert (BMC) ha provato a scombinare i piani delle squadre dei velocisti con un tentativo da finisseur senza però trovare fortuna. Si arriva così alla volata con la Etixx disposta in testa al gruppo per portare Kittel nella migliore posizione possibile, il tedesco non se lo fa dire due volte e domina lo sprint di gruppo. Dietro di lui si piazzano Mark Cavendish e Giacomo Nizzolo, bene anche gli altri italiani con Modolo (Lampre – Merida), Palini (Skydive Dubai), Guardini (Astana) e Viviani (Team Sky) nella top ten.

PHOTO CREDIT: ANSA - PERI / DAL ZENNARO
PHOTO CREDIT: ANSA – PERI / DAL ZENNARO

Ordine d’arrivo:

1 . Marcel Kittel (Etixx Quickstep)
2 . Mark Cavendish (Dimension Data)
3 . Giacomo Nizzolo (Trek Segafredo)
4 . Sacha Modolo (Lampre Merida)
5 . Andrea Palini (Skydive Dubai)
6 . Andrea Guardini (Astana)
7 . Christopher Opie (One Pro Cycling)
8 . Elia Viviani (Team Sky)
9 . Michael Kolar (Tinkoff)
10 . Tomas Vaitkus (Al Nasr Pro Cycling Team)