Home Articoli Giulio Ciccone atteso al debutto in una formazione World Tour

Giulio Ciccone atteso al debutto in una formazione World Tour

Giulio Ciccone si è presentato al mondo del professionismo, segnalato per le sue doti di scalatore. Al debutto, ecco infilare subito un successo prestigioso nella frazione appenninica che portava la corsa rosa da Campi Bisenzio (FI) a Sestola (MO). Nella nostra gara a tappe più amata, le statistiche lo segnalano come il terzo vincitore di tappa più giovane della storia. Poi, la giovane promessa ha vissuto tutta una serie di vicissitudini, con la scoperta di anomalie cardiache che in un primo momento lo hanno messo particolare allarme insieme a tutto il suo staff.
Finalmente adesso, sembra essere tutto alle spalle. Anche nell’ultima stagione il cooridore abruzzese ha avuto modo di distinguersi per le sue doti di camoscio, che gli hanno consentito di concludere il Giro d’Italia al 40° posto, dopo che in primavera aveva centrato il Giro dell’Appennino, mettendosi in luce anche al Tour of the Alpes. Diverse formazioni World Tour avevano nel frattempo messo gli occhi sul corridore in forza al team Bardiani-CSF. Alla fine è stata la Trek-Segafredo ad assicurarsi i servigi di Giulio Ciccone per la stagione 2019. Pronto a mettersi a disposizione del capitano Richie Porte, ma senza nascondere ambizioni personali. Confidando di correre il Giro e di transitare davanti ai suoi tanti tifosi che si concentreranno principalmente nella tappa con arrivo a L’Aquila.

Powered by Afterbit